Glamour verde

Premi a film sostenibili al Green Me Festival.

Affascinanti presenze al gala di premiazione del Green Me.

SUL TAPPETO VERDE

Eva Håkansson parla con il sindaco di Berlino Michael Müller.

Il tappeto verde è srotolato quando Eva Håkansson arriva al gala di premiazione del Green Me Global Festival for Sustainability di Berlino. Il foyer del "Bar jeder Vernunft" è un set della scena del film di questa domenica sera. I flash dei fotografi illuminano la stanza in penombra. L'umore è alle stelle nonostante la gravità dei temi da affrontare. Eva, che con il suo veicolo elettrico, assemblato da lei stessa, detiene il record come la motociclista più veloce del mondo, si trova subito nel bel mezzo di una discussione impegnativa con politici e celebrità. 

+ Leggi di più

Il maxi scooter elettrico BMW C evolution è sotto i riflettori al gala di premiazione.

Green Me offre una piattaforma per discussioni su temi ambientali quali la protezione del clima, l'inquinamento atmosferico o la mobilità di domani. "Sono felice di partecipare a un evento che promuove la sostenibilità attraverso i film, perché a tutti piacciono i film", afferma Eva. "E' magnifico che BMW Motorrad si impegni a favore della sostenibilità e di sistemi di guida elettrici con il C evolution, e io posso dimostrare che la tecnologia sostenibile è veloce ed è tutt'altro che noios". 

+ Leggi di più

FILM CHE STIMOLANO LE PERSONE (AD AGIRE)

La settimana di rassegna cinematografica verde inizia con la proiezione del film documentario "Punto di non ritorno" (Before the Flood) con Leonardo DiCaprio nel ruolo principale.

I film che si erano qualificati per il premio hanno fatto la parte del leone nelle discussioni al Green Me Festival. Lo slogan "Climate, Joy, Air" ha riunito un'ampia offerta di film che il pubblico ha potuto godersi nel corso del fine settimana ed affrontare nel corso di dibattiti in gruppi. Il via all'evento è stato dato con una proiezione esclusiva della produzione National Geographic Punto di non ritorno" (Before the Flood) nella serata di venerdì. Il documentario, diretto da Fisher Stevens e con Leonardo DiCaprio nel ruolo principale, si è poi in effetti aggiudicato il premio nella categoria Climate (Clima). 

+ Leggi di più

Axel Gundolf, direttore del canale di National Geographic, riceve il premio per "Punto di non ritorno" (Before the Flood).

"Premi di questo calibro ci aiutano a dare ancora più notorietà al film, a informare un ampio pubblico sui pericoli insiti nei cambiamenti climatici e, da ultimo, stimolano ad agire", afferma Axel Gundolf, direttore del canale di National Geographic. La discussione sul futuro della mobilità va di pari passo con il soggetto del film. "Sono molto contento delle possibilità offerte dall'elettromobilità, soprattutto se combinate con l'uso delle energie rinnovabili. Essere totalmente mobili in un modo neutro nei confronti del clima è una grande visione che non sembra più irreale", aggiunge Gundolf. 

+ Leggi di più
«
Essere totalmente mobili in un modo neutro nei confronti del clima è una grande visione che non sembra più irreale.
»

Axel Gundolf, direttore del canale di National Geographic

I vincitori del premio al Green Me Festival di Berlino.

INCORAGGIAMENTO DEL GRUPPO DI ESPERTI

Eva Håkansson durante il suo intervento "Racing for Sustainability" (Correre per la sostenibilità).

La febbre della competizione nel cinema: nel corso dell'intero fine settimana, tra i documentari e i film, si sono susseguiti dibattiti di gruppi di esperti. E' intervenuta anche Eva Håkansson, il cui tema è sembrato in un primo momento contraddittorio: nel gruppo di esperti "Racing for Sustainability", ha parlato del suo entusiasmo per i veicoli elettrici e la velocità, una combinazione che rispecchia il motto del Green Me: Climate, Joy, Air. "L'ecocompatibilità può essere straordinariamente veloce e divertente", afferma Eva, spiegando la sua missione volta a un'opera di sensibilizzazione sul fronte dell'elettromobilità attraverso le gare di corsa. 

+ Leggi di più

Conclusa la discussione del gruppo di esperti, Eva Håkansson ha firmato autografi e risposto a domande urgenti sull'elettromobilità.

Il pubblico era affascinato dalla fragile donna con un intelletto così sottile. Le sono state riservate parole di grande apprezzamento quali "modello ispiratore per altre donne" e le sono state rivolte molte domande: sulla sua particolare carriera come ingegnere meccanico, sulla competizione in un settore di appannaggio maschile, e sulla sua KillaJoule, la moto che ha assemblato lei stessa e che le ha valso il record come donna motociclista più veloce del mondo. Eva ha anche risposto a domande sul futuro dell'elettromobilità, che BMW Motorrad sta promuovendo con il maxi scooter elettrico C evolution: "L'elettromobilità non è il futuro, ma il presente, ed è destinata a continuare”. 

+ Leggi di più

GIURIA DALLO STILE DI VITA "VERDE"

Nkiru Niemann, Sara Nuru, Nic Niemann, Marie Nasemann e Ute Zahn (da sinistra verso destra).

Dopo due giorni di proiezioni e dibattiti dalla mattina fino a notte, i produttori cinematografici si sono riuniti domenica sera per il gala della premiazione. Oltre ai produttori, anche i membri della giuria del Green Me Festival sono profondamente impegnati nelle questioni relative alla sostenibilità e ciononostante sono riusciti a imparare qualcosa di nuovo grazie ai film ricercati con grande meticolosità. "In qualità di presidente della giuria per la categoria Air, ho analizzato a fondo i film e mi sono stupita di come fossi poco informata riguardo a certi ambiti, afferma la modella Sara Nuru. 

+ Leggi di più

Attori e produttori cinematografici si sono confrontati su impegno sostenibile e film verdi.

"Ritenevo di essere una persona cosciente e bene informata. Ora so che devo fare di più in futuro. E' possibile generare un cambiamento partendo semplicemente dalle azioni di ogni giorno. Grazie ai piccoli passi è possibile raggiungere grandi mete", sottolinea la modella. La sua collega Marie Nasemann era nella giuria per la categoria Youth Film e dichiara con fermezza: "Attori e altri esponenti della vita pubblica, come gli influencer con i loro canali di social media, possono davvero fare la differenza. Io sfrutto il raggio d'azione del mio blog FAIRKNALLT per sensibilizzare la coscienza della gente riguardo a un tema come la sostenibilità". 

+ Leggi di più

Il tappeto verde va avanti.

Al Green Me Festival sono stati presentati 130 film. Prova dell'impegno con cui l'industria cinematografica affronta il tema della sostenibilità nel mondo. E così il film festival procede verso Dallas, prima di dirigersi verso altri roccaforti del cinema di questo pianeta. "Il punto critico è stato raggiunto: la tutela dell'ambiente è ormai argomento di dominio pubblico e comincia a vivere di luce propria", afferma il presidente Nicolai Niemann. “La gente si identifica con il tema della sostenibilità. Il nuovo termine di moda ora è pulizia ambientale. Non è più solo una questione di protezione, ma di pulizia di spiagge, foreste e oceani". 

+ Leggi di più
Altre storie che potrebbero interessarti.
Moto adatte.