Madame Freestyler.

Sarah Lezito fa ballare la sua moto.

Sarah Lezito è considerata la migliore stuntwoman del mondo. È stata la controfigura di Scarlett Johansson nelle scene in moto di The Avengers 2 e ha battuto innumerevoli ragazzi al campionato mondiale di stunt riding. Ora questa ragazza francese fa parte della community BMW Motorrad.

«
Per me, freestyle significa fare ciò che ci piace. Salire su una moto e divertirsi. Il freestyle è il mio stile di vita.
»

Sarah Lezito

Il tragitto di Sarah Lezito verso il lavoro è breve. La ventiquattrenne guida lungo Rue de Champagne attraversando Épernay, passando da ristoranti raffinati e eleganti cantine vinicole. Moët & Chandon ed altre innumerevoli case nobiliari hanno la loro sede principale qui nella regione Champagne, casa della goccia di lusso francese. In breve tempo, Sarah raggiunge un parcheggio vuoto. Questo è il suo luogo di lavoro. Il suo orario lavorativo è flessibile, non ha colleghi. Invece di parcheggiare, Sarah accelera.

Attraversa tutto il parcheggio, gira intorno e ritorna sulla ruota posteriore. Passa sulla ruota anteriore, stoppie, 180. Sarah accelera per un'altra impennata, salta sulla sella e mette le sue gambe sul manubrio. Per dieci minuti fa sì che chiunque la stia guardando guidare sia colto da vertigini, e questa è solo la fase di riscaldamento. La moto balla in sintonia sotto Sarah come un cavallo. Tuttavia il suo destriero ha più di 159 cavalli. Viene qui tutti i giorni, il “suo” parcheggio. La polizia la conosce, così come la conoscono i residenti. Qui è dove hanno luogo i trucchi della migliore stuntwoman del mondo.

+ Leggi di più

Impennate tra i vigneti

Il padre di Sarah Lezito non ha quasi mai visto il suo quad visto che la tredicenne Sarah lo utilizzava per allenarsi a fare impennate tutto il tempo.

Solo la regione circostante può superare il romanticismo della piccola cittadina francese di Épernay. Vigneti che si nascondono tra dolci colline, facendo da cornice a piccoli villaggi con campanili in stile romanico. In uno di questi villaggi, cresce Sarah Vignot, figlia di un viticoltore. Una delle sorelle maggiori di Sarah la chiama Zito, da cui deriva il suo soprannome "le Zito" e, da questo, il suo nome d'arte Lezito. Suo padre possiede un quad per lavorare nei vigneti. Ma raramente riesce a vederlo, Dato che la tredicenne Sarah lo prende per incontrare amici e esercitarsi a fare impennate. “Lo guidavo quasi ogni giorno e mi allenavo tantissimo. Naturalmente il quad non era silenzioso e dovevo inventarmi delle scuse a casa”, ricorda Sarah. “Quando alla fine ho confessato la verità, i miei genitori non sapevano cosa pensare. Ma con il passare del tempo, si sono semplicemente abituati.” Ride.

+ Leggi di più

Sarah pensava di seguire le orme del padre. Poi ricevette sempre più offerte di stunt riding e il motociclismo diventò la sua professione.

Sarah esaurisce presto tutti i trucchi con il quad e non ne ha ancora abbastanza. La sua ambizione è infinitamente più grande di quella dei suoi amici. All'età di 16 anni, prende un 125 cc. Con la moto, sono possibili molte più cose e Sarah impara velocemente. Da allora il paese è diventato troppo piccolo. Ora lei si incontra con persone che la pensano allo stesso modo provenienti da tutta la Francia e si allena con loro nei weekend. In settimana, va a scuola; successivamente studia viticultura per due anni. Le piace e prende in considerazione l'idea di seguire le orme del padre. Poi riceve sempre più offerte di stunt riding e il motociclismo diventa la sua professione. Per Sarah inizia così un nuovo capitolo della sua vita. “Io e i miei amici non ci saremmo mai aspettati che questo sarebbe un giorno diventato la mia professione. Mi diverto ancora a fare stunt riding – solo ad un livello differente.”

+ Leggi di più

Street Dance

Impennate, stoppie, burnout: Sarah Lezito perfeziona i suoi trucchi.

La professione di stunt riding è di per sè straordinaria. Ma è ancor più insolito per una donna esercitare questa professione. “Stuntwoman? Ti vedremo al cinema?”, le chiedono spesso le persone. Sono curiose e hanno molte domande. Sarah è felice di rispondergli. Parla dei suoi ruoli come controfigura in sequenze cinematografiche, di competizioni, campionati e spettacoli. Non c'è una categoria a parte per le ragazze. Sarah di solito si confronta con ragazzi. “Gli uomini sono più forti ed hanno un'espressione forte quando guidano. Per cui ho descritto il mio stile: focalizzo la mia attenzione su equilibrio e fluidità.” Questo fa sì che lo spettacolo di Sarah sia una danza acrobatica: leggiadra, potente e determinata nello stesso tempo. Un ballo sull'asfalto, sulla strada: in poche parole street dance. Con impennate, stoppie, drift, burnout ed acrobazie.

+ Leggi di più

Lo spettacolo di Sarah sembra una danza acrobatica: leggiadra, potente e determinata nello stesso tempo.

“Cerco di seguire il mio stile e perfezionare i trucchi.” Non vuole rischiare troppo. Crescita graduale e costante miglioramento sono per lei la chiave del successo – specialmente perchè aveva già avuto un grave infortunio al ginocchio in passato. “Nell'ottobre 2015, ho avuto uno strappo al LCA in un incidente. Sono andata dal medico solo quattro mesi dopo. Poiché non volevo perdere la stagione 2016, abbiamo posticipato l'operazione in autunno. Ma fu un errore poiché il ginocchio instabile mi fece perdere fiducia nel mio corpo e in qualche modo la stagione era ugualmente persa.” Sarah si allena duramente e torna in campo. Nel 2017 vuole partire a tutto gas con la S 1000 R.

+ Leggi di più
«
Ho dovuto lavorare sodo su me stessa per gestire il mio nervosismo e, nello stesso tempo, aprirmi di più con le persone.
»

Sarah Lezito

Timidezza o spettacolo

All'inizio la sfida più grande di Sarah era la paura da palcoscenico.

Sono difficili le acrobazie sulla moto? Assolutamente sì. Ma Sarah non ha alcuna difficoltà a farle. Sembra che la sua passione non conosca limiti. Non esiste la rinuncia. Tuttavia ciò che la mette a dura prova sono i riflettori. “Sono sempre stata timida e non particolarmente loquace.” La pressione è tanta all'inizio, in particolare perché Sarah vuole sempre mettere in scena un bel spettacolo e fare tutto alla perfezione. “Ero stressata poiché tutti gli occhi erano puntati su di me. Lo stress mi ha provocato dei problemi alle braccia. Ero bloccata dopo aver guidato per due minuti”, ricorda. La paura da palcoscenico ha avuto un effetto tale su di lei che i suoi amici facevano fatica a riconoscerla. Ho dovuto lavorare sodo su me stessa per gestire il mio nervosismo e, nello stesso tempo, aprirmi di più con le persone. Da ragazza di campagna quale sono, l'ho trovato difficile.”

+ Leggi di più

Non c'è più spazio per la timidezza. Sarah ha scelto lo spettacolo.

Nel 2013, Sarah partecipa al campionato mondiale di stunt riding in Polonia per la prima volta. Due anni dopo, lì ottiene il suo più grande successo. È l'unica ragazza di 75 piloti e si classifica al nono posto. “È stato incredibile e per me è stato come vincere. I ragazzi che si erano classificati più in alto di me erano decisamente furiosi! Non avrò mai le loro abilità. Ma gli spettatori ricordano probabilmente quella ragazza anche se non sanno il mio nome.” E ciò nonostante ci sono abbastanza persone che si ricordano il suo nome: con più di 2,5 milioni di fan su Facebook, Sarah Lezito è famosa almeno tanto quanto lo stunt riding. Regala ai suoi follower squarci del suo allenamento quotidiano: foto e video che produce lei stessa insieme agli amici. Non c'è più spazio per la timidezza. Sarah ha scelto lo spettacolo.

+ Leggi di più

Sul palco del mondo

Come controfigura di Scarlett Johansson, Sarah ha girato le scene in moto nel blockbuster della Marvel The Avengers 2.

La notizia del talento di Sarah Lezito ha raggounto Hollywood. È richiesta per il blockbuster della Marvel The Avengers 2. Come controfigura di Scarlett Johansson, gira le scene in moto del film. “È stato il mio primo lavoro cinematografico e subito uno di grande portata. Sono molto fiera di questo”, dice con entusiasmo Sarah. “È stata un'esperienza pazzesca. C'erano tantissime persone di talento sul set – stuntmen per le scene di lotta, di guida o di nuoto.” Nel 2016, ha guidato una BMW R 1200 RT nel thriller Inferno. Con i lavori come controfigura, le competizioni, gli spettacoli e i servizi fotografici, Sarah ha girato nel frattempo tutto il mondo. Spesso è casa solo per pochi giorni prima di dover ripartire. “Talvolta mi manca la vita tranquilla a casa. Ma non appena sono a casa per un po' più di tempo, sento la mancanza dei viaggi.”

+ Leggi di più

“In moto, noi stunt rider siamo seri e concentrati, ma tutto il resto è divertimento e freestyle”, dice Sarah Lezito.

Ma ogniqualvolta Sarah si prende una pausa, si gode i momenti a casa. “Il sonno, il buon cibo e lo sport all'aperto sono molto importanti per me. Per me questo è il modo migliore per riprendermi. Ho imparato molto sulla nutrizione e credo che uno stile di vita salutare mi porterà più lontano.” Sarah non ha proprio un programma di allenamento. “Mi alzo e vedo come mi sento. Ascolto il mio corpo.” A dispetto di qualsiasi professionalità, per Sarah è importante che il divertimento sia al centro dell'attenzione. “Diversamente da tanti altri sport, non c'è molta concorrenza spietata nello stunt riding. Noi piloti siamo più come una famiglia. In moto, siamo seri e concentrati, ma tutto il resto è divertimento e freestyle."

+ Leggi di più
Altre storie che potrebbero interessarti.
Moto adatte.