Sfida alla gravità.

Gli acrobati delle moto affrontano il muro della morte originale sulla R 25.

Il muro della morte originale è uno spettacolo motociclistico mozzafiato pieno di tradizione e stile.

Tre R 25 si sono presentate per il via del Pure&Crafted Festival 2016. Donald, Clemens e Peter Petersen hanno fatto i loro giri su queste moto simultaneamente. Kara Satana, l'unica donna in Germania che sfida la gravità ha mostrato anche lei alla folla alcune manovre motociclistiche audaci sul muro ripido più vecchio al mondo.

Contare sulla pura potenza muscolare

Quando il muro della morte più vecchio al mondo si ripresenta per l'ultima volta nel suo luogo di nascita, vale a dire Berlino, al primo Pure&Crafted Festival del 2015, anche Donald Ganslmeier ha sentito un tuffo al cuore. L'attuale proprietario e sfidante purosangue del muro della morte, conosciuto anche come 'Don Strauss', ha comprato il muro appena un paio di anni prima dal suo precedente proprietario Hugo Dabbert, e lo ha rinnovato pezzo per pezzo. Il tamburo assemblato da 18 elementi di parete, di quasi 10 metri di diametro e sei metri di altezza, è stato uno degli ultimi moduli del suo "Muro della Morte" che è ancora reperibile nelle sue condizioni originali del 1928 e adesso è messo a riposo in un magazzino.

+ Leggi di più

Guidare sul muro della morte è difficile. Ci sono voluti due giorni pieni per rendere la base completamente dritta, gli elementi del muro sono stati innalzati e legati con cavi di acciaio, la tribuna degli spettatori e la passerella sono stati montati e a tenere sospeso il tendono c'è un palo centrale alto 12 metri, che pesa circa 25 tonnellate e che deve essere scaricato da due semirimorchi da 7,5 tonnellate e poi ricaricato dopo lo spettacolo. Solo con il potere dei muscoli, naturalmente.

+ Leggi di più
«
Quando i piloti del muro della morte entravano nel villaggio, era normale non lasciare andare le proprie figlie alla fiera.
»

Donald Ganslmeier

Una buona dose di coraggio

"Quando i piloti del muro della morte entravano nel villaggio, era normale non lasciare andare le proprie figlie alla fiera", o almeno è quello che è sempre stato detto a Donald Gansmeier. Dopo il servizio militare, salì in sella alla sua moto, andò in Inghilterra e imparò l'arte delle acrobazie sul muro della morte da Ken Fox. Da allora ha una vita da uomo di spettacolo.

+ Leggi di più

Bisogna avere assolutamente una buona dose di coraggio: prima bisogna fare alcuni giri per trovare il giusto equilibrio sulla piattaforma di lancio, a cambiare marcia e poi infine passare alla velocità giusta e darsi lo slancio richiesto sulla superficie verticale. Bisogna raggiungere almeno 45 km/h in modo tale che la pressione di contatto provocata dalla forza centrifuga (di almeno 3G) sia sufficiente a premere la moto e il pilota contro il muro.

+ Leggi di più

Un giro deve durare attorno ai tre secondi; i principianti possono usare questo dato come una guida di massima e comunque non hanno bisogno del tachimetro. La maggiore difficoltà è abituarsi a quella sensazione di vertigine che si ha all'inizio oppure non scivolare fuori dal muro a causa della velocità insufficiente. "È una sensazione meravigliosa", afferma Clemens, "Quando dopo tanti giri di prova riesci finalmente a raggiungere la sicurezza e riesci a fare i tuoi giri sulla pista irregolare".

+ Leggi di più
«
La BMW si guida come un motorino
»

Kara Santana

Una flotta di nuove moto

Nel frattempo, il muro della morte originale è stato nuovamente rivestito e alcune nuove moto sono state aggiunte alla flotta. Così come varie Indian Scouts V2-750ccm con assi rigidi degli anni 1927-31, che erano la prima scelta di molti acrobati del muro della morte grazie al loro baricentro basso, Ganslmeier e il suo team quest'anno guideranno anche tre BMW R25/0 sulla "never-ending road". Ganslmeier ha montato le sue moto monocilindriche da 250 ccm del 1950/51 lo scorso inverno con pezzi e resti provenienti da un concessionario BMW di Francoforte conformemente alle specifiche e al motto "solo ciò che è necessario":
+ Leggi di più

un telaio, due ruote da 19", serbatoio originale, sella ammortizzata e motore da 12 CV con carburatore Bing. Lo scarico è semplicemente un tubo cromato; le piastre di protezione o i fari sarebbero solo peso inutile. Tutti i pezzi sono stati verniciati e il serbatoio è stato riportato al suo originale rivestimento bianco. "12CV erano sufficienti, ma abbiamo dovuto tirare la sospensione così non ballava troppo", afferma Clemens, un carpentiere di professione e il più giovane pilota di "Motorellos". Fa segno verso l'ammortizzatore posteriore della sua BMW mentre ce lo spiega. Lavoro per il prossimo inverno.

+ Leggi di più

Camicie stirate e pantaloni da moto

La R 25 non è solo il mezzo ideale per il muro della morte, ma ha anche il look perfetto per il muro della morte. Dopotutto non è solo il loro abbigliamento (gli spericolati guidano sempre con camicie stirate, stivali lucidati e pantaloni da moto stretti) che mostra che l'esperto showman Ganslmeier attribuisce molta importanza alla tradizione e allo stile. "Quando vado a uno spettacolo mi aspetto sempre di vedere qualcosa di speciale ed è precisamente quello che diamo al nostro pubblico vestendoci con lo stile adatto e facendo il nostro audace spettacolo su moto classiche".
+ Leggi di più

Niente casco e niente assicurazione

Anche se lo spettacolo sembra giocoso e facile, c'è sempre una certa dose di rischio. E questo rischio si ripropone quaranta volte al giorno in eventi come il BMW Motorrad Days a Garmisch-Partenkirchen o all'Oktoberfest di Monaco di Baviera dove il numero di spettatori è così elevato che bisogna ripetere lo spettacolo ogni mezz'ora fino a sera inoltrata. Niente casco e nessuna rete di protezione. Quindi bisogna concentrarsi costantemente e questo richiede molte energie.

Quando Ganslmeier dice al suo pubblico che nessun assicuratore è preparato ad assicurare i suoi piloti contro gli incidenti, non sta scherzando. Il gruppo di rischio potrebbe sembrare relativamente piccolo, con soli cinquanta/sessanta piloti al mondo, tuttavia c'è il rischio di incidente a ogni giro. Ecco perché questi piloti spericolati ringraziano alla fine di ogni spettacolo per tutte le donazioni al fondo assicurazione incidenti che hanno creato.

+ Leggi di più
Altre storie che potrebbero interessarti.
Moto adatte.
spinner