Una svedese veloce.

Eva Håkansson detiene il record di velocità con il suo streamliner artigianale.

La velocità può anche essere green: Eva Håkansson ne è certa. L'ingegnere meccanico con un dottorato vuole dimostrare al mondo che i veicoli elettrici ecocompatibili sono veloci e divertenti e che l'ingegneria meccanica come scelta professionale per una donna è eccezionale. In giro con la donna motociclista più veloce del mondo che ha registrato il nuovo record mondiale di 434 km/h con il suo streamliner "KillaJoule" artigianale.

I geni sono i responsabili

Eva Håkansson ama progettare veicoli completamente nuovi e partecipare con essi alle competizioni. Forse a causa dei suoi geni. Perché Eva è cresciuta nel suo paese natale, la Svezia, con un padre che metteva le mani nelle moto alla sera e partecipava alle gare nei week-end. Il suo meccanico: sua madre. Conseguenza logica: Eva era già in pista quando era ancora una neonata.

+ Leggi di più

"Mio padre era un ingegnere e un campione di motociclismo. Praticamente ho ereditato il suo amore per la scienza e il motociclismo", dichiara la trentacinquenne, che oggi vive negli Stati Uniti. "Sono praticamente cresciuta nella sua officina di moto e mi ha sempre incoraggiata a sporcarmi le mani. Insisteva che lavorassi sulla mia auto e la mia moto. Nel 2007 abbiamo trasformato insieme una moto in una moto elettrica. Questo è stato l'inizio del mio amore per i veicoli elettrici".

+ Leggi di più
«
Un veicolo elettrico è come il cioccolato senza calorie.
»

Eva Håkansson

Completamente carica

La moto che ha costruito con suo padre si chiamava "ElectroCat". Nel gennaio 2008 è diventata la prima moto elettrica immatricolata in Svezia. Subito dopo fu invitata come relatore ospite a presentare ElectroCat al Parlamento svedese e a parlare dei vantaggi dei veicoli elettrici.

+ Leggi di più

"Forse questa è stata la prima volta che una moto entrava nella sede del Parlamento svedese. All'inizio i servizi segreti erano un po' scettici, fino a quando si sono resi conto che non c'era carburante nella moto. Per fortuna la moto entrava giusta giusta nell'ascensore. L'abbiamo portata alla sede del Parlamento la sera prima passando da una porta sul retro. Mi sentivo come in un film di James Bond".

+ Leggi di più
Nel 2008, Eva ha pubblicato il suo primo libro: "Hybridbilen – framtiden är redan här". E per quelli hanno lo svedese un po' arrugginito: "Il veicolo ibrido: il futuro è già iniziato". Proprio come Eva, il libro era molto all'avanguardia per i tempi. Durante le ricerche si è imbattuta nel veicolo elettrico più veloce del mondo, il "KillaCycle", una drag bike. Ha contattato il proprietario, Bill Dube, per avere il permesso di utilizzare la foto del veicolo per il suo libro.
Un incontro che le ha cambiato la vita. Nell'estate del 2009, Eva Håkansson e Bill Dube si sono sposati. "È stato forse il matrimonio più folle del decennio, ma è stato assolutamente perfetto. Accompagnati dalle parole "Quando l'anodo incontra il catodo, la scintilla si accende" ci siamo scambiati gli anelli nuziali fatti di materiale ceramico non conduttore. La cappella del matrimonio era il prototipo di un furgone per le consegne elettrico. Io guidavo l'ElectroCat, e Bill una moto elettrica".
+ Leggi di più

Veloce e green

Le cose hanno continuato a progredire a velocità massima dopo il loro matrimonio. Ha guidato la KillaCycle di Dube e ha registrato nuovi record nelle drag racing di un quarto di miglio. Tuttavia la coppia giunse a una conclusione condivisa: era necessario un approccio diverso se volevano trasmettere il loro fascino per i veicoli elettrici agli altri. L'obiettivo era chiaro: Eva Håkansson voleva diventare la donna motociclista più veloce del mondo.
"Non avendo entrambi mai costruito una moto streamliner prima, all'inizio eravamo totalmente ingenui", ricorda Eva con un sorriso. "Pensavamo che sei mesi e 10.000 dollari ci sarebbero bastati. Alla fine i tempi e il denaro per realizzare il progetto sono decuplicati. Ma ne è valsa la pena. La streamliner KillaJoule ha superato le nostre più folli fantasie".
+ Leggi di più

Gli anni sono stati segnati da lavoro, lavoro e lavoro. La coppia ha lavorato a tempo pieno e studiato al contempo. Nelle serate e nei week-end liberi dovevano costruire, trasformare, regolare e preparare la KillaJoule. Oltre a questo c'erano le gare per pubblicizzare i vantaggi ecologici delle moto alimentate a batteria.

+ Leggi di più

Entrambe sono ingegneri e quindi le conversioni e le modernizzazioni alla tecnologia della batteria procedevano rapidamente. Fu costruito un sidecar e la trasmissione fu trasformata da motori C.C. in apparenza derivanti dall'Età della Pietra in motori C.A. in linea con l'era spaziale. Il motociclista più veloce del mondo? Un obiettivo apparentemente irraggiungibile al tempo.

+ Leggi di più

"Ho questa irresistibile volontà di provare le cose che nessuno ha mai provato prima", spiega Eva. "Per me è divertente oltrepassare i limiti della tecnologia e testare le mie capacità giusto al limite. Ho sempre voluto essere la migliore in tutto. Per raggiungere l'obiettivo abbiamo dovuto impegnarci personalmente e lavorare ogni giorno. Dovevamo volerlo così ardentemente che non abbiamo mai rinunciato. Mi diverto molto di più a costruire che a correre e questo è importante perché si passano 360 giorni all'anno in officina e solo cinque in pista.

+ Leggi di più

A caccia di record

Nel 2014, Eva Håkansson ha stabilito un nuovo record di velocità ufficiale per una donna motociclista a Bonneville di 240,726 mph (pari a 387,411 km/h). Due settimane dopo, è ritornata a Bonneville e ha analizzato con attenzione i dati registrati nella moto. Questi dati hanno evidenziato che la moto poteva in teoria raggiungere le 265 mph (pari a 426 km/h), sufficienti per battere di 1 miglio all'ora il record ufficioso esistente di una moto a benzina stabilito in un aeroporto nel Regno Unito.
"Sono tornata in pista decisa a spremerla al massimo", ricorda Eva. "Successivamente il tachimetro segnava 250 miglia orarie, ma sapevo che quel dato era troppo pessimista, perché gli pneumatici anteriori diventavano più grossi non appena la velocità aumentava e falsavano il valore visualizzato sul tachimetro. Ma non ero sicura della differenza che poteva fare. Quando le persone che stavano prendendo il tempo hanno detto che avevamo una velocità di 270,224 miglia orarie (pari a 434,883 km/h), ero la motociclista più veloce del mondo. Ed eravamo troppo vicino alle 300 miglia orarie (483 km/h) per fermarci adesso".
+ Leggi di più

A tutta velocità per un futuro green

In agosto Eva testerà ancora una volta i suoi limiti con la KillaJoule agli Speed Trials, sul lago salato di Bonneville, nella speranza di battere un altro record. Definisce la sua strategia utilizzando la velocità per fare in modo che il potenziale della batteria sia massimo. "Ecoattivismo nascosto". E se fosse anche capace di dimostrare che le donne possono essere degli straordinari ingegneri di processo, allora questa sarà un'altra missione compiuta per Eva Håkansson. È orgogliosa di ripercorrere le orme di suo padre al quale deve le sue conoscenze e le sue competenze. "Se ho un problema di ingegneria meccanica difficile, gli telefono e lui ha sempre la soluzione pronta. Ho imparato così tanto da lui. È la ragione per cui è stato possibile per me stabilire dei record con un veicolo che ho costruito con le mie mani in primo luogo".

+ Leggi di più
Altre storie che potrebbero interessarti.

Overview Modelli

Scopri tutta la gamma BMW Motorrad e trova la tua moto.

Scopri di più